Newsletter

Traduttore

I Cavalieri della Danza

Nel nostro danzare la meta è la rigenerazione, danzare le antiche geometrie per ritrovare il contatto con la nostra anima: sapere di tutte le antiche civiltà.
Il coraggio di prendere in mano la propria vita e il desiderio di ritrovare l’orientamento per poter sentire il possente “alito di vita” fluire nelle vene, questo è quello che sto chiedendo alle persone per entrare in questo corpo di ballo; questo è quello che voglio far sentire e comunicare negli spettacoli che creiamo.
Certo non  poca cosa, accettare di vedere la propria immagine in un limpido specchio senza indietreggiare, riconoscerla umilmente  e… abbandonarsi,  per poter portare luce; e nel dono sentire la forza della vita!
Un cammino difficile, intenso e impregnato di una ferrea disciplina, ma l’ebbrezza del profumo dei fiori che raccogliamo lungo il cammino stordisce la mente e ci porta ad aprire il nostro cuore al canto della vita.
Le nostre coreografie sono disegni che narrano, evocano immagini di un mondo eterno.

 

2012




Partecipazione spettacolo PLURALE-FEMMINILE (Rovereto)

 

 

2011

L'incontro fra le arti - Valeggio sul Mincio (Verona)

 

2010

 Castello di Bevilacqua (Verona)



Danza e interpretazione simbolica



Firedance gallery



I cavalieri e il segno di Maurizio Zanolli